Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per funzionalità quali la condivisione sui social network e/o la visualizzazione di media. Chiudendo questo banner, cliccando in un'area sottostante o accedendo ad un'altra pagina del sito, acconsenti all’uso dei cookie. Se non acconsenti all'utilizzo dei cookie di terze parti, alcune di queste funzionalità potrebbero essere non disponibili. Per maggiori informazioni consulta la pagina Privacy policy.

Loading...

Articolo

Ponente Maestro Furioso in tutta la Sardegna e qualche nuovo record


Ponente Maestro Furioso in tutta la Sardegna e qualche nuovo record
Condividi con

Pubblicato da Pietro Sanna 06/05/2019

Ieri, 5 maggio 2019, un bel ponente maestro soffia in tutta l’isola oltre i 40 nodi, recando anche alcuni danni. Ma se da una parte c’è chi corre al riparo dall’altra c’è qualcuno che non aspetta altro per farsi una bella dose di adrenalina pura. Viste le previsioni gli speeders più accaniti si sono recati a Valledoria alla foce del Coghinas “Coghineritz”. Il vento già dal mattino era furioso, l’anemometro della ASD Sport Point segnava raffiche di 40 nodi con base 35 di ponente. Senz'altro non la condizione ottimale, ma comunque in pochi minuti sul prato della scuola ecco che compaiono le attrezzature più piccole. I coraggiosi sono Nicola Canalis con Vela 6.2 e Tavola 87 litri, Riccardo Sieni 5.7 e 80, Antonio Egris 5.2 e 80, idem Gianni Monagheddu. Il primo ad entrare è Nicola Canalis, ma dopo due bordi rientra per la presenza in acqua di detriti che il forte vento buttava in acqua dalla spiaggia sopravvento che rendeva pericolosa la navigazione. Dopo una mezz’ora di ragionamenti in attesa del passaggio dei detriti, sempre Nicola ritenta e risale fino al canale, seguito subito da Sieni ed Egris. La condizione è estrema, vento troppo da ponente, quindi angolo di lasco sfavorevole e bisogna poggiare all’estremo per non finire sulla Sardegna. L’acqua ribolle e sembra quasi di fare motocross, l’unico che sembra andare bene è Antonio. Dopo una mezz’ora Canalis e Sieni tornano alla base un po' delusi. Qualche minuto per riprendere fiato e visto che Egris continuava ad andare, Nicola non si da per vinto e questa volta seguito da Gianni Monagheddu ritenta. Il Vento aumenta ancora con raffiche fino a 45 nodi, un freddo polare, ma menomale ad un certo punto vi è una leggera rotazione verso maestrale. Nonostante il piano d’acqua comunque non sia favorevole perchè molto choppato, dopo due ore e mezza di battaglia, i tre rider riescono a portare a casa nuovi records. Nicola 41,657 nodi di velocità massima, Antonio per la prima volta oltrepassa il muro dei 39 e Gianni migliora i suoi assoluti nelle velocità medie 10 e 20 secondi. Restano putroppo a bocca asciutta Riccardo, che preso dal freddo e comunque non al Top della forma in questo periodo abbandona e anche Giorgio Giorgi, che reduce da un’influenza ha preferito fare da spettatore e non entrare in acqua. questo è quanto e prima di lasciarvi non possiamo omettere di dire che attendiamo un ritorno nei giochi del fortissimo Professore Luigi Passino, assente giustificato quest’anno in quanto impegnato nel portare la sua squadra di Palla a mano, la Reimonds, in serie A. Tra l’altro obiettivo raggiunto e quindi a lui vanno i nostri complimenti e tutta la nostra stima.

Ovviamente complimenti a Nicola, che per il momento è in testa al circuito a pieno punteggio, Antonio e Gianni per i nuovi record

Ci vediamo in acqua per la prossima puntata